Tutto sui climatizzatori )

Come funziona un climatizzatore?

La climatizzazione si fonda su tecnologie eco-compatibili ampiamente testate e di grande affidabilità.
Il climatizzatore sfrutta lo stesso principio di funzionamento del frigorifero. Un liquido refrigerante circola in un circuito chiuso all’interno del climatizzatore e assorbe il calore (le calorie) presente nel locale per poi espellerlo all’esterno.
In inverno, invertendo il ciclo operativo, il climatizzatore recupera calorie dall’aria esterna per restituirle all’interno. Questo sistema può “pompare” le calorie esterne fino a temperature di -15°C. È il principio della pompa di calore, più comunemente chiamato PAC. Si tratta di un vero sistema di riscaldamento, che ha le stesse prestazioni di un sistema tradizionale, ma e molto più economico. 

4 fasi di funzionamento

  1. Il compressore comprime il refrigerante e ne fa salire pressione e temperatura.
  2. Mentre passa attraverso il condensatore, il refrigerante riscaldato cede una parte delle sue calorie all’ambiente circostante, caldo ma con temperatura inferiore.
  3. La fase di espansione riduce la pressione del fluido e, di conseguenza, anche la sua temperatura.
  4. Quando passa attraverso l’evaporatore, dato che la sua temperatura è minore di quella dell’ambiente circostante, il fluido assorbe calorie e il ciclo inizia di nuovo.

schema fonctionnement climatiseur_IT

È facile da usare?

Sì, la maggioranza dei climatizzatori AIRWELL è dotata di un telecomando a infrarossi molto pratico.

Grazie al loro design compatto ed ergonomico, i telecomandi a infrarossi AIRWELL offrono molte funzioni e sono davvero facili da utilizzare. Permettono di selezionare la modalità operativa (riscaldamento-raffreddamento-deumidificazione), scegliere la temperatura fissata, la velocità delle ventole oppure opzioni di pulizia dell’aria, e persino programmare una serie di funzioni avanzate quali:

  • Rallentamento notturno: crea condizioni di temperatura più adatte al riposo notturno e contribuisce ad un risparmio energetico del 7% sul consumo. 
  • Funzione I FEEL: questa innovazione del dipartimento R&S di AIRWELL rileva la temperatura del punto in cui si trova il telecomando e consente quindi di migliorare il controllo.
  • Programmazione: permette un avviamento differito o un arresto programmato dell’apparecchio al fine di ottimizzare il funzionamento e ridurre il consumo di energia.

 

Telecomando a infrarossi RC7

Telecomando murale a filo RCW2

 telecomande IR  telecommande murale filaire

La climatizzazione rappresenta una soluzione di riscaldamento completa?
La climatizzazione reversibile garantisce il comfort nei vostri ambienti per tutto l’anno. Assolve a due funzioni: rinfresca in estate e riscalda in inverno.

La climatizzazione reversibile è un sistema di riscaldamento completo. Nella modalità riscaldamento, vi permette di riscaldare i vostri ambienti nello stesso modo di un riscaldamento tradizionale con una qualità dell’aria ideale, e una diffusione omogenea. Il sistema recupera le calorie all’esterno per restituire il calore all’interno. Può “pompare” queste calorie esterne fino a temperature di -15°C.

La climatizzazione si rivela quindi essere estremamente conveniente, con un sovrapprezzo di appena il 10% per l’installazione.

Che differenza c’è tra un sistema di climatizzazione a cassetta e uno multisplit?

Il sistema a cassetta è un sistema di climatizzazione centralizzato, installato nei controsoffitti e collegato ad un’unità esterna. L’aria si diffonde nelle stanze tramite una rete di condotti. Si tratta di un sistema molto discreto, perché si notano sul soffitto solo le griglie di diffusione e di presa dell’aria. La temperatura interna viene regolata nello stesso modo da una stanza all’altra ed è omogenea ovunque.

Il sistema multisplit è composto da unità interne collegate ad un gruppo esterno; in questo modo è possibile regolare la temperatura di ciascuna stanza in modo indipendente. Esistono tre tipologie diverse di split: mobile, a parete, a console, il cui design è stato appositamente studiato per integrarsi perfettamente ai vostri interni.

La climatizzazione è costosa?

Il costo della climatizzazione dipende dalla disposizione dei locali.
Si possono acquistare ottimi sistemi di climatizzazione per poche centinaia di euro, installazione inclusa. Per di più, è possibile iniziare climatizzando un solo ambiente (sala, camera da letto) prima di estendere il sistema al resto della casa. Infine, la climatizzazione reversibile permette cospicui risparmi sui costi di riscaldamento domestico (3 kW/h di calore recuperato per ogni kW/h di elettricità consumata).

La climatizzazione permette dei reali risparmi di energia?

La tecnologia termodinamica usata nei sistemi di climatizzazione consente di recuperare le calorie naturali presenti nell’aria o nel suolo. Questa tecnologia vi permette di ottenere una concreta riduzione della bolletta di riscaldamento senza rinunciare ai benefici della climatizzazione, particolarmente in estate. 

Per mettere alla prova queste affermazioni in condizioni effettive, Airwell ha svolto studi sul campo in collaborazione con uffici di progettazione tecnica, fornitori di energia e produttori di apparecchiature. Gli studi sono stati svolti in tre diverse regioni, analizzando le prestazioni in abitazioni di 100 m² e mettendo a confronto ogni sistema di riscaldamento disponibile. I risultati sono stati i seguenti:

Per il solo riscaldamento, in media, il sistema di climatizzazione dell’aria fa risparmiare:

  • il 50% rispetto a un sistema di riscaldamento totalmente elettrico
  • il 35% rispetto a un sistema di riscaldamento a gasolio
  • l’8% rispetto a un sistema di riscaldamento a gas.

Un sistema di climatizzazione reversibile (riscaldamento e raffreddamento) vi permette di:

  • Risparmiare il 25% rispetto a un sistema di riscaldamento totalmente elettrico.
  • Risparmiare l’8% rispetto a un sistema di riscaldamento a gasolio.
  • Godere dei benefici della climatizzazione dell’aria con un costo ulteriore di appena € 0,65/m²/anno.

La climatizzazione è rumorosa?

Nel corso degli ultimi dieci anni, i livelli di rumorosità della climatizzazione si sono considerevolmente ridotti. Attualmente, il rumore emesso è equivalente a quello di un PC.

Questo progresso in materia di livello sonoro è possibile grazie alla tecnologia DC INVERTER che regola continuamente la potenza del compressore.

Esistono altre soluzioni tecniche che permettono di limitare il livello di rumorosità:

  • Le ventole

Nelle unità esterne, le ventole elicoidali impiegano materiali assorbenti. Il design aerodinamico, l’arrotondamento del bordo anteriore delle pale, l’ottimizzazione del numero di pale e la riduzione della velocità di rotazione sono alcuni esempi delle soluzioni utilizzate.
Nelle unità interne, l’uso crescente di ventole tangenziali di grande diametro e di forma aerodinamica migliora il processo di scambio del calore e riduce il livello di rumorosità.

  • I compressori

I compressori rotativi e SCROLL vengono utilizzati sempre più spesso nei climatizzatori perché offrono una maggiore efficienza energetica e sono più silenziosi dei modelli tradizionali.

È possibile installare un impianto di climatizzazione in un edificio antico?

Che abitiate in una casa singola o in un appartamento, in città o in campagna, che i vostri interni siano moderni o tradizionali, grandi o piccoli, esiste sempre una soluzione AIRWELL RESIDENTIAL adatta a voi.
I sistemi proposti da AIRWELL RESIDENTIAL sono di facile e rapida installazione in qualsiasi contesto abitativo.

La climatizzazione permette di migliorare la qualità dell’aria?

In media viviamo 22 ore su 24 in un ambiente chiuso; è quindi opportuno prestare attenzione alla qualità dell’atmosfera nei locali che abitiamo.
Oggi, la climatizzazione va ben oltre la sua funzione originaria di semplice mantenimento di una temperatura confortevole, e rende possibile migliorare la qualità dell’aria e ridurne l’umidità relativa.

Il controllo della qualità dell’aria permette inoltre di rimuovere gli odori sgradevoli, di ridurre l’elettricità statica e di impedire la comparsa degli acari della polvere.
La climatizzazione contribuisce quindi a migliorare nettamente la qualità dell’aria che respirate e contribuisce alla salvaguardia della vostra salute. 

3 tipi di filtri per un’aria più pura

  • I filtri antibatterici (pre-filtri): eliminano le particelle più grosse (polveri o altre impurità). Sono riutilizzabili: una spia di avvertenza indica quando è necessario pulirli. Un semplice lavaggio con acqua e sapone ne garantisce l’efficienza ottimale.
  • Il filtro a carboni attivi (filtro nano foto-catalitico): appositamente studiato per neutralizzare gli odori sgradevoli (tabacco, odori di cucina, di animali), questo filtro deve essere esposto alla luce ogni 6 mesi per ripristinarne l’efficienza ottimale.
  • Il filtro elettrostatico attivo (ESF Superplasma): questo filtro attira le particelle elettricamente cariche mediante una serie di lastre polarizzate che intrappolano e raccolgono polvere, pollini, acari, batteri, fumo di tabacco. La sua efficienza originaria può essere ripristinata con un semplice lavaggio con acqua.

Per saperne di più sulla qualità dell’aria

La climatizzazione rappresenta un rischio per la salute?

I sistemi di climatizzazione permettono di purificare l’aria interna e contribuiscono al nostro buono stato di salute.

Le patologie talvolta attribuite alla climatizzazione non sono direttamente provocate dagli apparecchi, ma derivano da difetti di manutenzione, solitamente nel caso di sistemi troppo vecchi. Quanto alla proliferazione del morbo del legionario, questo si diffonde solo in presenza di acqua stagnante. Questa condizione è impossibile in sistemi a circuito chiuso o a distribuzione d’aria.

Se si rispettano le regole di installazione e di pulizia, la climatizzazione contribuisce a ridurre le allergie perché filtra le particelle allergeniche e i microbi. I climatizzatori AIRWELL rimuovono dall’aria fumo, pollini e altre impurità che sono spesso causa di allergie e problemi respiratori. Inoltre evitano i depositi di polvere sul pavimento e sui mobili, favorendo una buona igiene degli interni.

Per approfittare in tutta tranquillità del vostro impianto di climatizzazione, orientate la diffusione dell’aria e la velocità di ventilazione in base all’utilizzo che ne fate nelle varie stanze, così che l’aria circoli in maniera omogenea.

Le variazioni di temperatura fanno male alla salute?

In realtà sono le giornate afose a nuocere alla salute. Per combattere il caldo, il nostro corpo pompa il sangue verso l’epidermide. I muscoli e il sistema cardiovascolare ricevono un flusso sanguigno inferiore alla norma. Questo può portare a vertigini, spossatezza e a un marcato rallentamento dell’attività, specialmente nei bambini e negli anziani.

Rinfrescando l’aria, la climatizzazione contribuisce al nostro benessere. Tutti i malesseri attribuiti alla climatizzazione sono in realtà dovuti a una cattiva manutenzione del sistema. Spesso sono riscontrati in sistemi centralizzati o in cattivo stato di funzionamento e di manutenzione.

Per mantenere la vostra salute, è fondamentale far pulire regolarmente il vostro sistema di climatizzazione da un professionista autorizzato. Inoltre, è importante regolare correttamente la temperatura desiderata evitando qualsiasi scarto di più di 8° in estate tra la temperatura interna e quella esterna. Infine, adattate l’orientamento della diffusione dell’aria e la velocità di ventilazione in base al vostro utilizzo di ciascuna stanza.

Seguendo questi consigli di utilizzo, potrete godere di una migliore qualità dell’aria e ridurrete la sensazione di affaticamento.