Allergie )

La climatizzazione, alleata contro le allergie

La climatizzazione può aggravare le reazioni allergiche? Tutt’altro! Utilizzata in modo corretto, contribuisce a purificare l’aria e riduce notevolmente le particelle che provocano le allergie. 

Una trappola per gli allergeni

Acari, pollini, peli di animali, umidità…. Nelle stanze chiuse, questi microorganismi si moltiplicano con facilità e possono provocare reazioni allergiche.

Una climatizzazione dotata di un sistema performante di purificazione dell’aria contribuisce a ridurre i fenomeni allergici. Ben mantenuti, i filtri delle particelle e gli ionizzatori eliminano le sostanze allergeniche e migliorano la qualità dell’aria.

filtres et sterionizer

Come utilizzare al meglio il vostro climatizzatore?

Optate per un climatizzatore dotato di un sistema di purificazione dell’aria facile da pulire. Deve essere dotato di un filtro elettrostatico che attira e intrappola polveri, pollini, acari ed altri agenti allergenici. Per una maggiore efficacia, integrate anche un

sistema di bipolarizzazione come lo Sterionizer™ sviluppato da Airwell. Elimina i funghi e le umidità riducendo in modo considerevole la percentuale di acari.2

  • Pulite regolarmente i filtri: un semplice lavaggio con l’acqua per i filtri elettrostatici, e un’esposizione regolare al sole per lo Sterionizer™ garantiscono la loro efficacia nel tempo.
  • Regolate in modo intelligente la temperatura delle vostre stanze: le persone soggette a riniti allergiche sono sensibili alle variazioni di temperatura troppo brusche. Lo scarto tra la temperatura esterna ed interna non deve superare gli 8°.
  • Adattare il tasso di umidità: se l’aria è troppo secca, può irritare le mucose fragili delle persone sensibili. Scegliete un tasso di umidità relativa che sia confortevole (qual è il corretto tasso di umidità da scegliere?).

2- Risultati confermati da istituti di ricerca di fama internazionale.